Office, Active Directory, e non solo …

Il mese scorso siamo stati all’evento organizzato da Synology a Milano per assistere alla presentazione delle novità prossime venture associate alla nuova release del sistema operativo incorporato con i NAS, ossia il DSM (Disk Station Manager, e per la precisione la versione 6.1 – ora in beta).

Nel dettaglio

Ai nuovi hardware che vanno ad arricchire la fascia top delle soluzioni proposte (come per esempio la Flashstation FS3017 ed un nuovo più potente router) e le nuove release più orientate ad una utenza Home, si aggiungono (finalmente) alcune novità dedicate al mondo Business come:

  • Il nuovo pacchetto “Office” (con word editor e spreadsheet), completamente browser-based alla stregua dei “Fratelli Maggiori” (cfr. Office 365, Google Docs, Zoho Documents, eccetera) che compendia la novità “Calendar” e l’oramai collaudato “Note Station”.
  • Il nuovo pacchetto “Universal Search” per le ricerche su file e documenti Office.
  • Il nuovo pacchetto di “Chat” per l’instant messaging aziendale.
  • Il nuovo pacchetto “VPN Plus Server”, in sostituzione del precedente “VPN server”.
  • Il nuovo pacchetto “USB Copy” per la programmabilità delle copie su supporti esterni.
  • Il nuovo pacchetto “Active Directory” (in uscita nel primo quadrimestre 2017) basato su Samba 4.
  • La nuova soluzione di gestione in Cloud per il backup e il disaster recovery delle DSM.
  • Miglioramenti vari, tra i quali (e non solo): il Virtual DSM Manager, il sistema di gestione della HA (High Availability) e la replicazione delle snapshot.
Desktop della DSM

La nostra opinione

Francamente siamo molto entusiasti della direzione più business oriented che l’azienda di Taiwan sembra avere intenzione di percorrere, anche se a nostro avviso permangono alcune ombre:

  • L’assenza totale di un hyper-visor classico per la creazione e gestione di virtual-machine “normali” alla stregua di quanto già propone QNAP (ndr. anche se Docker e le Virtual DSM sono davvero uno strumento utile).
  • L’uscita ritardata del pacchetto “Active Directory” che probabilmente (almeno da un punto di vista logico) dovrà convivere in qualche modo con il LDAP server classico già offerto.
  • La nuova introduzione delle politiche di licenze (già ora preventivata per i pacchetti “VPN Plus Server” e le Virtual DSM) non ancora precisamente chiarita in termini di costi e quantità necessarie.

Conclusioni

Aldilà delle (tante) luci e delle (poche) ombre, da ora in poi racchiudere la flotta Synology sotto la mera categoria dei NAS sarà ancora più duro, noi siamo convinti che per il mercato SOHO e PMI la semplicità di uso delle innumerevoli tecnologie offerte nelle DSM possono considerarsi alla stregua delle potenzialità introdotte dal Cloud nel mercato delle soluzioni informatiche.

O per meglio dire: da oggi, anche grazie Synology, essere piccoli può essere ancora bello 🙂

PS: se vuoi conoscere meglio le soluzioni Synology, non esitare a contattarci utilizzando i recapiti pubblicati alla pagina Contatti. Saremo lieti di scoprire insieme cosa le soluzioni Synology possono fare per il vostro lavoro.

Approfondimenti, video su Active Directory